Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

La forma e la misura del mantenimento secondo la legge 54/2006

INFOLEGAL


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


La forma e la misura del mantenimento secondo la legge 54/2006

15/11/2010 - 16.24

La recente pronuncia di cassazione in merito al mantenimento dei figli di genitori separati (22502/2010) conferma la necessità e l'urgenza di un nuovo intervento legislativo che elimini definitivamente la possibilità di interpretazioni, per quanto scarsamente plausibili, in totale contraddizione con l'attuale dettato normativo. Vi si legge infatti che: "nella determinazione del contributo previsto dall'art. 277 cod. civ., in tema di mantenimento dei figli ... , la regola dell'affidamento condiviso a entrambi i genitori ai sensi dell'art. 155 cod. civ. ... non implica deroga al principio secondo il quale ciascun genitore deve provvedere alla soddisfazione dei bisogni dei figli in misura proporzionale al suo reddito. In applicazione di essa, pertanto, il giudice deve disporre, ove necessario, la corresponsione di un assegno periodico che, in caso di collocamento prevalente presso un genitore, va posto a carico del genitore non collocatario, prevedendone lo stesso art. 155 la determinazione in relazione ai tempi di permanenza del figlio presso ciascun genitore". È dunque evidente che, mentre la prima affermazione coincide incontestabilmente con la norma, la seconda, passando disinvoltamente da una considerazione sulla misura del contributo ad un'altra sulla sua forma e legandole, impropriamente, con un " pertanto", si colloca antiteticamente alla ratio legis dell'affidamento condiviso poiché va a negare al figlio il suo diritto a ricevere cura, e non soldi, da entrambi i genitori, compiendo al tempo stesso un evidente errore logico-giuridico, ove si rammenti la formulazione del comma 4 dell'articolo 155: "... ciascuno dei genitori provvede al mantenimento dei figli in misura proporzionale al proprio reddito; il giudice stabilisce, ove necessario, la corresponsione di un assegno periodico al fine di realizzare il principio di proporzionalità, da determinare considerando: ... "

I concetti di forma e di misura del mantenimento sono dunque ben separati ed è indiscutibile che il legislatore privilegia la forma diretta, lasciando al contributo mediante assegno una mera funzione integrativa nell'ipotesi in cui la contribuzione diretta non rispetti la proporzione suddetta. In altre parole, i parametri, tra cui il tempo, che il legislatore elenca per quantificare l'entità dell'assegno entrano in gioco soltanto dopo che se ne è verificata la necessità. Non è la differenza dei tempi della frequentazione a determinare la necessità di un assegno, ma di essa si tiene conto nel caso in cui per altri motivi l'assegno si sia reso necessario. La ragione è evidente: il genitore che passa meno tempo con il figlio può benissimo compensare le minori spese legate alla convivenza con la maggiore pesantezza di quelle esterne (affitto, abbigliamento, istruzione, mensa, salute, svaghi, sport, mezzi di trasporto, ecc.; non è un problema).

In sostanza, in materia di affidamento condiviso si ha spesso l'impressione di un problema culturale della Suprema Corte, di una difficoltà ad accogliere i nuovi principi che la conduce a decisioni per le quali sembra che la conclusione preceda la motivazione, ossia che l'estensore, orientato pregiudizialmente verso un certo punto di arrivo, ne cerchi poi la giustificazione in un modo qualsiasi, a scapito di fondamentali regole della logica giuridica. Ne possono dare ulteriore dimostrazione nel caso in esame le citazioni invocate "a sostegno" della propria tesi. Cassazione 23630/2009 si limita a ricordare i parametri per l'entità dell'assegno, ove questo sia necessario, ma non discute se e quando lo è. Lo fa invece Cass. 23411/2009 affermando sul piano della legittimità - aldilà di non pertinenti considerazioni di opportunità - che: "l'assegno per il figlio" può essere disposto "in subordine, essendo preminente il principio del mantenimento diretto da parte di ciascun genitore". Non poteva esserci smentita più convincente.

 

Pres. Ass. Naz. Crescere Insieme - Marino Maglietta


Fonte: cresecere-insieme.org - M. Maglietta

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 3788 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Da quando è in vigore la legge più boicottata dai giudici della storia della Repubblicana (la...

15/07/2018 - 17:29
Cassazione, giravolta sul tenore di vita in caso di divorzio

Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

di CRISTINA DAL MASO - È di pochi giorni fa la sentenza della Suprema Corte di Cassazione che ha...

28/05/2017 - 18:06
Cassazione: no al tenore di vita. Un primo passo, ma in Italia prevale la Legge

L┤interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Diritto di famiglia, tribunale di Torino: è possibile imporre al minore di frequentare...

31/03/2017 - 13:40
L┤interesse del minore secondo le elastiche interpretazioni del tribunale di Torino

Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

Sono sempre più frequenti i casi di tragedie familiari che hanno come protagonisti, in negativo, i...

17/02/2016 - 12:53
Crisi della coppia genitoriale e amputazione della figura paterna

In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Se una mattina decidi di scorrere le pagine di un notiziario giudiziario sulle decisioni dei tribunali per i...

10/12/2015 - 11:11
In una giustizia decrepita, qualcuno fa soldi sul conflitto permanente

Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?

di MARCELLO ADRIANO MAZZOLA* - Quante condanne dovrà ancora subire l’Italia perché...

25/11/2015 - 11:51
Il Falso Condiviso in Italia: quante condanne ancora dalla Corte Europea?


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 2 commenti


00.24  di gioved├Č 02/12/2010
scritto da  annalisa
Se i minori, in seguito ad affido condiviso, sono collocati nella casa coniugale con un genitore collocatario, e durante tale collocamento, il genitore non collocatario non pu├▓ frequentare i figlioli perch├Ę gli viene impedito e si delinea una grave psicopatologia,perch├Ę dare l´assegno di mantenimento?

14.13  di mercoled├Č 17/11/2010
scritto da  Sergio
Ha me sembra molto chiara anche adesso la legge.
Se uno dei genitori per svariati motivi non riesce a frequentare i figli (per esempio per motivi di lavoro)certamente dovr├á contribuire all´altro genitore, che diventer├á principale collocatario, un assegno di mantenimento.
Ci├▓ che fanno i tribunali invece ├Ę rendere da subito uno dei genitori il collocatario e da subito si scrivono cifre sui "provvedimenti provvisori" che dovrebbero essere chiamati provvedimenti provvisordecennali senza mai neanche verificare se si ci si possa accollare assegni di mantenimento pari a stipendi.
Peaticamente questa legge non ├Ę mai stata presa in considerazione.



1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584