Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Merito, trib. di Trieste, obbligatorio accompagnare i bambini a scuola

Rassegna Giuridica


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Merito, trib. di Trieste, obbligatorio accompagnare i bambini a scuola

23/10/2010 - 14.38

Il presidente della sezione civile del Tribunale di Trieste, Giovanni Sansone, ha rigettato oggi il ricorso presentato dalla mamma di un bimbo di 9 anni che frequenta una scuola di Buja (Udine); la donna riteneva di poter far fare al figlio il tragitto scuola-casa e viceversa, circa duecento metri, da solo. La scuola non può sottrarsi ai suoi doveri - è stata in sostanza la motivazione del giudice - fra i quali rientrano anche quelli della tutela e dell'integrità degli alunni nel percorso scuola-casa.

Alla mamma, che aveva sostenuto il proprio diritto a decidere sull'educazione dei figli, e, quindi, pretendeva di poter mandare a scuola il bimbo senza accompagnamento, si era opposto il dirigente dell'istituto scolastico di Buja ritenendo che il percorso scuola-casa avesse «degli elementi di criticità» e che quindi il bimbo dovesse essere accompagnato a scuola. Il giudice - che aveva dato otto giorni di tempo alle parti per trovare una soluzione condivisa - ha anche condannato la famiglia del bambino al pagamento delle spese processuali.

«Mi viene il dubbio che sia tutta un'esagerazione sulla sicurezza. Noi comunque andiamo avanti, ricorreremo in appello»: lo ha detto, in serata, la madre del bimbo. «Cerco di insegnare a mio figlio che si deve guardare attorno», ha spiegato la donna, interpellata dall'Ansa. «Tra un mese e mezzo - ha aggiunto - avrà dieci anni, a noi sembra giusto così. Non mi sembrava nulla di pericoloso, né una cosa che potesse stravolgere le idee del bambino. Così si sente autonomo e indipendente». La donna ha annunciato che ricorrerà in appello, forte di un precedente pronunciamento giuridico da parte della magitsrtaura di Tolmezzo (Udine).

Il caso, infatti, è sorto un anno fa, a novembre 2009: in quell'occasione i carabinieri avevano dovuto segnalare alla Procura di Tolmezzo (Udine) che la madre non andava a prendere il figlio. «Ma poi - ha spiegato la donna - la Procura ha archiviato, perché essendo stato educato in questo modo, la scelta veniva ritenuta adeguata». La donna, che con il marito gestisce un'azienda, ha detto di «fare questa battaglia anche per i tanti paesini in cui ci sono problemi del genere. Ci sono altre pensone che stanno pensando a questa cosa - ha notato - ma poi forse lasciano stare, io mi sono sentita di andare avanti».


Fonte: personaedanno.it -

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 4216 volte

Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 2 commenti


10.52  di marted├Č 26/10/2010
scritto da  Sergio
...io dico sempre che il mondo sta andando alla rovescia!
Io e i miei coetanei siamo sempre andati a scuola da soli, addirittura quando avevo 11/12 andavo a scuola in treno (cambiavo 2 locali).
Oggi i nostri figli non sono in grado di fare 2 passi da soli, basta andare davanti a una scuola superiore e vedere code infinite di auto che accompagnano ancora a scuola ragazzi dai 14 ai 18/19 anni.
Il normale ├Ę diventato eccezione e va condannato. ASSURDO!

SOLIDARIETA´ a tutti quelli che hanno a che fare con i giudici che trattano "diritto di famiglia".

11.16  di luned├Č 25/10/2010
scritto da  il soccombente
Nel ricordo di quando andavo a scuola da solo fin dalla materna, dò tutta la mia solidarietà alla mamma di Buja.
Per proteggere i ragazzi dai pericoli della strada, costituiti essenzialmente da auto e motorini, occorre moderare il traffico e non relegare i ragazzi da un luogo chiuso ad un altro.
Le istituzioni farebbero meglio ad occuparsi di rendere sicuro il tragitto casa-scuola (percorsi protetti, semafori, limitazioni di velocit├á alle auto, divieto di sosta in doppia fila, ecc.) che non ad adire alla magistratura per contrastare un progetto educativo delle famiglie teso alla crescita dell´autonomia dei ragazzi.


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2022 - Codice Fiscale: 97611760584