Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Il PD contro il DDL che equipara figli naturali e legittimi. La Poretti (radicali) si dissocia

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Il PD contro il DDL che equipara figli naturali e legittimi. La Poretti (radicali) si dissocia

10/10/2010 - 22.44

Altra prova di autonomia politica, da parte dei parlamentari appartenenti ai radicali, rispetto al gruppo del Partito Democratico. Dopo l'on. Rita Bernardini, che ha criticato con asprezza le modalità di applicazione della L. 54/2006 (affido condiviso) da parte della Magistratura, anche la senatrice Donatella Poretti non ha mostrato difficoltà nel dissociarsi dalla linea del PD - ai più apparsa strumentale - sul ddl recante modifica alla disciplina in materia di potestà genitoriale e di filiazione naturale, nel testo proposto dalla Commissione risultante dall'unificazione dei ddl nn. 1211 e 1412, ulteriormente modificato da parte dell'Assemblea.

Grazie anche al voto favorevole della Poretti, infatti, il DDL è stato approvato in prima lettura. Ma vediamo in dettaglio cosa è successo.

La relatrice, sen. Gallone (PdL), ha illustrato le finalità del provvedimento volto a risolvere alcune incongruenze relative alla disciplina giuridica della condizione dei figli naturali determinatesi a seguito dell'entrata in vigore della legge n. 54 del 2006 che ha introdotto l'istituto dell'affidamento condiviso dei bambini in caso di separazione o divorzio dei genitori. In base alla normativa proposta, l'esercizio della potestà genitoriale per i figli naturali spetterà ad entrambi i genitori, ponendo fine ad una disparità di trattamento rispetto ai figli legittimi. Se il testo diventasse legge, verrebbe altresì eliminata la duplicazione tra tribunale ordinario e tribunale per i minorenni in base alla diversa qualificazione del figlio a seconda che sia nato all'interno o al di fuori del matrimonio, riportando tra l'altro in capo al tribunale ordinario la competenza a pronunziarsi non solo sulle questioni economiche ma anche sull'affidamento.

Nella stessa seduta, a nome del Governo, la Sottosegretario di Stato per la giustizia Alberti Casellati ha auspicato l'approvazione del provvedimento che così colpirebbe quella vera e propria discriminazione tra figli legittimi e naturali cui invece occorre garantire identica tutela.

Dopo la reiezione della questione sospensiva, richiesta dalla sen. Anna Maria Serafini (PD), sostenuta dalla sen. Finocchiaro (PD) e osteggiata dai sen. Gustavino (UDC-SVP-Aut: UV-MAIE-IS-MRE), Mazzatorta (LNP) e Berselli (PdL), in sede di discussione generale sono intervenuti le sen. Armato, Baio, Poretti, Della Monica (PD) e Allegrini.

Alle dichiarazioni di voto hanno preso parte i sen. Li Gotti (IdV), Gustavino (UDC-SVP-Aut: UV-MAIE-IS-MRE), Mazzatorta (LNP), Maritati (PD) e Mugnai (PdL), e si è evidenziato l'ampio consenso sul merito del provvedimento, che ha dato adito ad espressioni di voto favorevoli con l'eccezione del Gruppo PD che ha annunciato un voto di astensione giudicando il ddl "parziale e propagandistico rispetto ai tanti problemi che attengono alla condizione dei figli all'interno della famiglia e non rispondente alla promessa del Governo di interventi organici sulla materia". E' a questo punto che, in dissenso dal gruppo e a nome della delegazione radicale, la senatrice radicale Poretti ha dichiarato il voto a favore del ddl.

Nessuna sorpresa, quindi, dal PD, dal quale si attenderebbe, anzichè ostruzionismo - perchè di questo si tratta - una concreta collaborazione alla risoluzione dei problemi in materia di giustizia e affidamento dei figli. Dopo il deposito del PDL n. 3431 da parte dell'on. Miglioli (PD, appunto), accolto con sdegno da parte di tutte le associazioni che si occupano di bigenitorialità, i democratici (al netto dei radicali) continuano a mostrare un gravissimo atteggiamento contrario alla evoluzione dei costumi delle famiglie italiane.

Forse che, per essere un buon democratico, bisogna tornare al passato, e negare integralmente la battaglia di civiltà di migliaia di cittadini ?

E' bene saperlo. Le elezioni sono alle porte, la primavera è vicina, e sarebbe il caso di sapersi regolare già adesso per il voto.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 4236 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

La pazienza è finita. Questa, in sintesi, la presa di posizione di numerose...

07/04/2019 - 14:53
26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Di ALESSIO CARDINALE* - Sono trascorsi ormai più di dodici anni dalla entrata in vigore della legge n....

15/09/2018 - 00:53
Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

È quanto riportano le agenzie: dall’inizio dell’anno sono 16 le donne sospese dal...

12/03/2018 - 11:09
Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 9 commenti


10.12  di sabato 16/10/2010
scritto da  gina palomba
volevo solo ricordare che tutti i bambini hanno i loro diritti , sia dentro sia fuori dal matrimonio e voi politici avete una grande responsabilita´, di leggittimare la famiglia sia quella con matrimonio sia quella con convivenza. basta ipocrisie e bugie. una donna convivente con due figli da 22 anni.. la fede al dito non conta, conta la moralita´, il dovere e i fatti,sopratutto leggi giuste.grazie, volevo aggiungere e´ ora di cambiare l´italia che rimane nella stessa moralita´, quella che esculde i piu´ indifesi e piu´ debo9li, quella e´ la voce del popolo. basta

18.40  di gioved├Č 14/10/2010
scritto da  Massimo Rosini
la sinistra in testa la Magnolfi e Maura Cossutta (che ha ereditato lo scranno da papino e dovrebbe avere pi├╣ rispetto per i padri solo per questo) fecero di tutto per svuotare, la 54/06 che gi├á prevedeva molto del ddl 957 attuale. C´├Ę riuscita; purtroppo ci sono troppe veterofemministe nel PD che non ha ancora capito che deve diventare un partito europeo se non vuol restare una escrescenza appenninica; sveglia! Guardate Francia Svezia Svizzera, o se proprio vi fanno schifo il Brasile di Lula! Almeno quello vi piacer├á o propro siete fermi al " a dda ven├Č Baffone!" (per chi non sapesse traduco: "deve venire Stalin"; e i cattolici del PD? Quando si sveglieranno? Leggete i discorsi di Monsignor Nicolli ex direttore della pastorale della famiglia della CEI! Tutti favorevoli alla bigenitorialit├á!

10.09  di mercoled├Č 13/10/2010
scritto da  Carlo Cabras

Pierpaolo Poldrugo dice:

"...La nuova norma, se approvata, porterà alle coppie di fatto il non trascurabile onere di doversi servire di un avvocato..."

Non mi dica che sto spendendo inutilmente diverse migliaia di euro (in avvocati) per seguire il ricorso sull´affido di mio figlio al TRIBUNALE DEI MINORI?!
Se ha notizie che in quei tribunali non sono necessari gli avvocati La prego di farmi sapere qualcosa.
Grazie.

21.13  di luned├Č 11/10/2010
scritto da  Antonio
Ci ricorderemo di loro alle prossime elezioni.. Siete una vera delusione!!

11.26  di luned├Č 11/10/2010
scritto da  Dario
.... e loro (i "democratici" COMUNISTI) sarebbero i paladini della parit├á e dell´uguaglianza? Loro che criticano tanto tutti e tutto, visto che sono loro ad essere i migliori... loro, i comunisti che il mondo, la storia, ha rinnegato e cancellato.


1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584