Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Madre uccide i figlio di 3 anni e tenta suicidio. Non era in depressione post partum

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Madre uccide i figlio di 3 anni e tenta suicidio. Non era in depressione post partum

08/10/2010 - 08.38

Ha ucciso in casa il figlioletto di 3 anni strangolandolo; poi lo ha caricato in auto e si é diretta verso i boschi sulle alture di Savona, dove ha tentato di togliersi la vita lasciando scivolare la vettura in un dirupo. Ma è rimasta solo ferita. Nel frattempo era accorso sul posto il marito della donna, che si è trovato davanti il corpicino, ormai rigido, del figlioletto, deposto sul ciglio della strada. La donna, 36 anni, impiegata savonese, aveva partorito, venti giorni fa, il secondogenito. Qualunque sia la ragione (se ce n'è) del gesto omicida, non è quella che si era ipotizzato in un primo momento, e cioè la depressione post partum. Davanti agli agenti di polizia la donna è crollata. In stato confusionale ha pronunciato solo poche parole: "Si, l'ho ucciso".

La donna è ora piantonata in stato di fermo di polizia giudiziaria all'ospedale San Paolo di Savona. Il marito, 37 anni, dopo un interrogatorio durato diverse ore in questura, è tornato a casa. Sembra che l'uomo sia giunto per primo sul posto, dopo aver ricevuto una telefonata dalla moglie. Trovato il corpicino del figlio sul ciglio della strada, vi si é accasciato sopra, singhiozzando. Fortunatamente, nei suoi confronti non sono stati assunti provvedimenti. Adeso toccherà a lui rimettere insieme i cocci di una vita buttata alle ortiche.

Ai soccorritori arrivati sul posto dopo una segnalazione al 113 è sembrato inizialmente di trovarsi davanti ad un incidente con un bambino morto e una donna ferita. Poi hanno capito che era successo qualcosa di anomalo, qualcosa di diverso da un incidente stradale e hanno atteso l'arrivo della polizia. I rilievi della scientifica e la confessione della donna hanno messo in luce un'altra verità ancora più drammatica e assurda. La donna ha ucciso il figlio in casa, lo ha avvolto in una copertina e lo ha trasportato sulle alture della città dopo aver girovagato con la sua auto, una Opel Corsa di colore azzurro poi trovata in fondo alla scarpata.

E' qui, lungo una strada sterrata non lontano da un ristorante frequentato da escursionisti, che la donna ha tentato a sua volta di ammazzarsi con l'auto. La vettura ha compiuto un volo di pochi metri attutito dall'erba; per la mamma solo pochi graffi che le hanno insanguinato la maglietta. In auto è stato trovato anche un coltello, che però non sembra sia stato adoperato. 

La coppia si era sposata a Varazze nel 2007 dove aveva vissuto fino a due mesi fa, poi la donna aveva preso residenza a Savona in via Acqui, nel quartiere di Villapiana. Il neonato è stato affidato alla nonna che ha già ricevuto la visita dei servizi sociali del Comune di Savona.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 2384 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

La pazienza è finita. Questa, in sintesi, la presa di posizione di numerose...

07/04/2019 - 14:53
26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Di ALESSIO CARDINALE* - Sono trascorsi ormai più di dodici anni dalla entrata in vigore della legge n....

15/09/2018 - 00:53
Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

È quanto riportano le agenzie: dall’inizio dell’anno sono 16 le donne sospese dal...

12/03/2018 - 11:09
Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


C'è 1 solo commento


22.44  di lunedì 11/10/2010
scritto da  on-line
http://violenza-donne.blogspot.com/2010/10/mantova-neonata-messa-in-lavatrice.html


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584