Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Falsi abusi a Pordenone. Un test scagiona il padre, il bimbo affetto da PAS gravissima

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Falsi abusi a Pordenone. Un test scagiona il padre, il bimbo affetto da PAS gravissima

30/09/2010 - 15.52

Un padre finisce a processo con accuse terribili e infamanti: il sospetto è che abbia abusato sessualmente del figlio. Tutto si fonda sulle dichiarazioni del bambino, che all’epoca aveva 7 anni, e del fratellino di 4, che racconta agli inquirenti di aver subito punizioni durissime. Erano tutte bugie. E per dimostrarlo ci è voluto una sorta di "test della verità", la cosiddetta validation.

Un elemento di novità introdotto del gup Piera Binotto, uno strumento scientifico che valuta l’attendibilità dei minori che sostengono di essere stati vittime di abusi sessuali. Il test, eseguito da un esperto di medicina forense, sulla base di alcuni criteri che valutano le risposte date dai bambini e i loro racconti, fa emergere dubbi e contraddizioni. Viene elaborato sulla base di un punteggio che nel caso del bambino pordenonese non lasciava spazio a dubbi: si era inventato tutto.

Il padre, che da due anni e mezzo non vede i figli, ieri è stato assolto perchè il fatto non sussiste. In questo suo calvario è stato assistito dall’avvocato Alberto Fenos.

Sullo sfondo di questa drammatica vicenda familiare c’è una separazione conflittuale tra coniugi. La moglie trova un nuovo compagno, si trasferisce con i figli a 300 chilometri di distanza e il padre fa istanza al Tribunale di modifica delle condizioni di divorzio. Da quel momento la situazione precipita. Un giorno la madre chiama Telefono azzurro e riferisce delle molestie sessuali subite dal figlio maggiore. Viene interessata la Questura e nell’aprile 2008 la Procura allontana i bambini dal papà, che non li vede da due anni e mezzo.

Con la formula dell’incidente probatorio viene sentito il figlio di 7 anni, che conferma, pur cambiando versione, le accuse contro il genitore. Verrà anche sottoposto a perizia per stabilire se è capace di testimoniare. Infine, si arriverà al processo. Per il presunto padre-orco si chiede il rinvio a giudizio. La difesa ottiene di celebrare il processo in udienza preliminare, con un rito abbreviato condizionato: vuole raccogliere le testimonianze della maestra, dell’assistente sociale e del proprio consulente tecnico, che ha concluso la sua perizia sostenendo che il piccolo è affetto da una gravissima forma di Pas, la sindrome da alienazione parentale che lo spingerebbe ad accusare il padre. Il giudice inserisce le testimonianze di altri familiari: tutti negano gli abusi e i maltrattamenti nei confronti del bambino di 4 anni. Le contraddizioni sono tante, al punto da spingere il giudice a rivolgersi al dottor Luca Sammicheli dell’Università di Bologna affinchè esegua una validation, il "test della verità" che ieri ha scagionato il padre.

Ora si spera di recuperare gli affetti. Il genitore ha fatto istanza al Tribunale affinchè si possa concordare un percorso di riavvicinamento con i due figli. Sarà una strada lenta e difficile, ma il papà, che aspetta questo momento da due anni e mezzo, è disposto a tutto pur di ritrovare i figli perduti.  


Fonte: ilgazzettino.it

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia č stata letta 8422 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

La pazienza è finita. Questa, in sintesi, la presa di posizione di numerose...

07/04/2019 - 14:53
26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Di ALESSIO CARDINALE* - Sono trascorsi ormai più di dodici anni dalla entrata in vigore della legge n....

15/09/2018 - 00:53
Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

È quanto riportano le agenzie: dall’inizio dell’anno sono 16 le donne sospese dal...

12/03/2018 - 11:09
Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?


Le Notizie piů Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 12 commenti


11.18  di martedì 24/07/2012
scritto da  Manu
Aiutatemi sono la figlia di un padre incastrato a dovere per un ´ accusa simile!

20.50  di domenica 02/01/2011
scritto da  tania
MA COSA SI PUò DIRE? è DA ANNI CHE IO E IL MIO COMPAGNO SUBIAMO DENIGRAZIONI, CATTIVERIE DI OGNI TIPO DA UNA DONNA,LA MADRE DEL SUO PRIMO FIGLIO ,CHE HA MANIPOLATO IL SUO PICCOLO FINO A PORTARCI IN TRIBUNALE CON ACCUSE ASSOLUTAMENTE FALSE DI ABUSI.IL NOSTRO CASO SI è CONCLUSO CON L´ARCHIVIAZIONE PER"L ASSOLUTA EQUIVOCITĂ  DEGLI INDIZI FORNITI,MA STA DI FATTO CHE IL BAMBINO CONTINUA AD ESSERE AFFIDATO A LEI,CHE L HA DEFINITIVAMENTE ALLONTANATO DAL PADRE E DA TUTTI I PARENTI PATERNI PERCHè... A SUO DIRE...NON LO AMANO E LEI LO DEVE DIFENDERE...LE STESSE PERSONE CHE PRIMA DELLA SEPARAZIONE ACCUDIVANO REGOLARMENTE SUO FIGLIO.LA FERITA CHE CI SI PORTA DENTRO NON è SANABILE,MI FA RABBIA ESSERE GUARDATA CON SOSPETTO DALLE PERSONE CHE CONOSCONO SOLO LA SUA VERSIONE,TOTALMENTE FARNETICANTE...NON è LEI IL MOSTRO? NON è LEI IL GENITORE ABUSANTE??? IL MALE CHE PURTROPPO HA FATTO E CONTINUA A FARE PRINCIPALMENTE A SUO FIGLIO MI INORRIDISCONO..SPERO NEL FUTURO LE COSE POSSANO CAMBIARE,NON PER NOI,ORMAI CREDO SIA TARDI, MA PER TUTTI I PAPĂ  CHE PRETENDONO SOLO DI ESSERE TALI.

23.06  di venerdì 01/10/2010
scritto da  Damiano
Benissimo.... Storia a lieto fine ? Non credo proprio... e i due anni e mezzo in cui questa giustizia di m..... ha privato dei figli un padre innocente come vengono risarciti? E questa madre non ha violentato i figli? Non ha forse usato violenza contro i figli costringendoli ad ignobili calunnie contro il loro padre? Come ne risponde? Il suo scopo intanto lo ha raggiunto: è riuscita nel suo intento di allontanare il padre dai propri figli. E non punendola in maniera importante altri madri seguiranno questa strada... Grazie giustizia, grazie ministro alle impari-opportunità...

14.58  di venerdì 01/10/2010
scritto da  Giaci
Un´altro calvario.... nessun provvedimento per la madre... altri 3 anni almeno di mera ingiustizia.... fra tribunali ed avvocati... e nel frattempo i figli crescono con l´odio veerso il padre... ho provato tutto questo, e sono ancora dopo 6 anni incatenato da cause, tribunali ed avvocati.... grazie alla impreparazione di questi giudici che di diritto familiare sono totalmente digiuni, ma perchè non si fa niente contro queste madri?

12.03  di venerdì 01/10/2010
scritto da  Matteo

Subıto la revoca della patria potesta´ per la madre. Poı vediamo .... se ci sono anche le SS implicate...



1 - 2 - 3


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti č unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitŕ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584