Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Sarah, le ricerche riprendono dal ritrovamento del cellulare

News e Comunicati Stampa


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Sarah, le ricerche riprendono dal ritrovamento del cellulare

30/09/2010 - 11.02

Si concentrano nel podere dove ieri è stato ritrovato il cellulare di Sara Scazzi le ricerche, mai sospese, per la ragazzina di 15 anni scomparsa il 26 agosto scorso. L'area si trova al confine dalle province di Taranto e Lecce, in agro di Porto Cesareo, lungo la strada che collega Avetrana con Nardò.

Dopo oltre un mese senza che di Sara si trovasse una minima traccia, il ritrovamento da parte dello zio del cellulare - privo di batteria e di scheda sim - ha richiamato l'attenzione degli investigatori sulla zona che già era stata battuta nei primi giorni successivi alla scomparsa. Si cercano ora eventuali altre tracce della ragazza che nel giorno della scomparsa con sé portava uno zainetto con il telo da mare che non è stato mai ritrovato. Le ricerche vengono condotte anche dai sommozzatori che stanno perlustrando i pozzi e cisterne della zona.

AVETRANA (TARANTO) - La prima traccia è stata trovata dopo 35 giorni: il cellulare di Sara, senza batteria e scheda Sim, era in un podere ad alcuni chilometri di distanza dal paese e dal luogo - viale Kennedy, la strada che da Avetrana porta al mare - del presunto ultimo avvistamento della quindicenne, scomparsa il 26 agosto mentre andava a piedi a casa della cugina Sabrina per andare al mare. A trovare il telefonino é stato proprio il padre di Sabrina, Michele Misseri. Lo zio di Sara ha raccontato di aver lavorato ieri sera in un uliveto con un amico. Il terreno si trova sulla provinciale 116 Avetrana-Maruggio, ala periferia di Porto Cesareo (Lecce).

Lì i due hanno bruciato delle stoppie. Stamattina Michele Misseri è tornato sul terreno da solo per recuperare un cacciavite che aveva dimenticato ed ha notato il cellulare, rimasto parzialmente danneggiato dal fuoco, riconoscendo che era quello di Sara: c'erano legati un lucchettino e un ciondolo a forma di lattina. Misseri ha quindi chiamato la famiglia affinché allertasse i carabinieri, che poi hanno prelevato il telefonino. "Forse è stato il destino", ha commentato in serata la mamma della ragazzina, Concetta Serrano Spagnolo, riferendosi all'improvviso ritrovamento da parte del famigliare dopo giorni e giorni di ricerche da parte delle forze dell'ordine, anche con l'ausilio di unità cinofile. Mamma Concetta questa mattina era in Procura, a Taranto, insieme ai legali della famiglia, Walter Biscotti e Nicodemo Gentile, che avevano preannunciato un colloquio con i magistrati titolari dell'inchiesta, il procuratore aggiunto Pietro Argentino e il sostituto procuratore Mariano Buccoliero. Proprio durante il colloquio è giunta la notizia del ritrovamento del cellulare di Sara.

"Ora sono più confusa di prima" ha detto in serata mamma Concetta, rientrata a casa dopo il lungo colloquio con gli inquirenti, ribadendo la convinzione che Sara "sia stata rapita, di sperare che sia ancora viva e che bisogna indagare su tutti, la famiglia, gli amici". Di certo, quel telefonino Sara non può averlo gettato via di sua spontanea volontà, per di più togliendo batteria e scheda. Più facile che sia stato lanciato dal finestrino di un'auto da qualcuno che, non da solo, aveva prelevato poco prima Sara con cattive intenzioni. In giornata ha avuta eco anche l'ipotesi di una figlia segreta del papà di Sara, Giacomo, che vive per molti mesi a Milano dove lavora come muratore. Un anno fa una foto della bimba sarebbe stata notata da Sara maneggiando il telefonino del padre, episodio che avrebbe provocato un violento litigio.

"A me non risulta" ha dichiarato la madre di Sara, così come i legali della famiglia hanno riferito che questa circostanza non risulta da alcun atto d'indagine. Domani le ricerche, avviate nella zona del ritrovamento del telefonino con l'ausilio di unità cinofile, riprenderanno in grande stile, col supporto di una ventina di uomini in più. Ma cercare Sara resta sempre come cercare un ago in un pagliaio. Gli inquirenti continuano a non tralasciare alcun indizio; quel cellulare abbandonato in aperta campagna, però, non fa altro che rafforzare l'angoscia di un paese.


Fonte: ANSA - P. Melchiorre

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 2042 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

Una nutrita schiera di associazioni e organizzazioni a tutela dei diritti civili della famiglia, a seguito...

07/04/2019 - 11:01
Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Il percorso del DDL Pillon in Parlamento si rivela meno facile di quanto non potesse sembrare. Anche...

15/09/2018 - 08:52
DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Un breve articolo compare il 15 aprile sul portale Studio Cataldi, sempre molto utile per dottrina ed...

13/04/2017 - 11:08
Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

Ieri sera in prima serata su Rai 2 nella trasmissione "Nemo – nessuno escluso", il Dott....

14/04/2017 - 21:20
Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Francesco D’Auria, Segretario nazionale Adiantum, lancia un appello a tutti i genitori...

19/03/2017 - 12:20
19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali

Interpellanza al Presidente del Consiglio, da parte del deputato Emanuele Scagliusi (M5S) in materia di...

21/11/2016 - 15:55
Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Non ci sono ancora commenti


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584