Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Sassari, la sottrazione di un minore in diretta. La nuova frontiera della cronaca familiare

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Sassari, la sottrazione di un minore in diretta. La nuova frontiera della cronaca familiare

28/09/2010 - 23.13

Chi vi scrive ha passato l'intera giornata a seguire, in costante collegamento telefonico, la cronaca di una "sottrazione di stato". Fortunatamente, fino a questo momento, non è andata a buon fine.

Siamo abituati a leggere articoli, annunci, richieste di aiuto, ma seguire con le proprie orecchie, in tempo reale, una vicenda di allontanamento coatto è roba da far diventare vecchi: voci concitate, toni alterati, pianti e singhiozzi, rumori di una casa improvvisamente invasa dalla forza pubblica e poi....la ribellione e la disobbedienza. Con questi due moti dell'anima Chiara (il nome è di fantasia), nella giornata appena trascorsa, si è salvata. Ma domani è un altro giorno, e la zingara ritorna.

Lo ha promesso, minacciato, garantito. Anzi, stizzita di fronte al deciso rifiuto della ragazza 15enne che non ne ha voluto sapere di seguire una donna 50enne senza figli nè nipoti, non ha trovato di meglio che sottrarre gli effetti personali della ragazza, e portarseli via in ufficio, "tanto domani ritorno".

Chissà che vita ha trascorso una che fa questo mestiere (ci rifiutiamo di chiamarla professione, rispetto a questa funzione) da 25 anni, fin da quando "la gente portava via i bimbi nei boschi, per sfuggirci". E proprio di questo ha parlato al padre di Chiara quando questi è andato a reclamare il bagaglio, minacciandolo "veda, caro signore, lei non mi deve costringere a fare cose che non voglio fare. Vent'anni fa, per evitare che la gente portasse via i bambini nei boschi prima del nostro arrivo, io mandavo qualcuno in borghese, alle quattro del mattino, così non mi facevo fregare...".

Neanche i carabinieri, da lei chiamati a supporto della sua missione, hanno voluto dare seguito. La ragazza ha 15 anni, hanno detto, "se non vuol venire via non possiamo certo prenderla di peso". Ma lei, l'assistente sociale, di professione nuova zingara popolare, è stata lì, pronta ad eseguire il solito provvedimento imbecille, dalle 9 del mattino alle 7 di sera, più conciliabolo in ufficio con i suoi superiori.

Però, la minaccia di "gente in borghese che vien di notte" ha avuto l'effetto di terrorizzare tutta la famigia: padre, figlia e nonni, che adesso stanno pronti di fronte a tutto.

Abbiamo anche sentito la sua voce, mentre sferzava la ragazza: "qui non comandi tu, nemmeno tuo padre e i tuoi nonni, ma solo il giudice, e tu devi venire con me !". Una grande tattica, non c'è che dire. Si vede che ci sa fare, a demolire l'animo altrui.

Chiara, nel pomeriggio, ha scritto al giudice, chiedendo clemenza. Da più di 8 ore era tallonata da quell'arpia, ma le parole più dure che è riuscita a scrivere sono state: "lasciatemi con le persone che voglio bene...". Domani la lettera verrà depositata in tribunale, si spera in un pò di buon senso.

Merce rara, di questi tempi.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 1870 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

La pazienza è finita. Questa, in sintesi, la presa di posizione di numerose...

07/04/2019 - 14:53
26 associazioni di genitori separati chiedono al Governo Conte le dimissioni di Spadafora: il testo

Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Di ALESSIO CARDINALE* - Sono trascorsi ormai più di dodici anni dalla entrata in vigore della legge n....

15/09/2018 - 00:53
Dalla L. 54/2006 ai nuovi disegni di legge di modifica del Condiviso. Agire anche sul fronte penale

Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

È quanto riportano le agenzie: dall’inizio dell’anno sono 16 le donne sospese dal...

12/03/2018 - 11:09
Aumentano i casi di maestre che maltrattano gli alunni. Eppure nessun allarme, nessun caso mediatico

Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 3 commenti


22.12  di gioved├Č 30/09/2010
scritto da  valentina
Povera ragazza, perche la vogliono portare in una casa famiglia? ma cosa ha commesso? lasciatela con i genitori .. non mollare chiara

10.58  di mercoled├Č 29/09/2010
scritto da  Marina
Ho individuato casualmente il vostro sito su Internet, tentando di conoscere qualcosa in più sulla sorte di una bambina della mia città, Sara Viarengo, allontanata dai nonni. Purtroppo non sono riuscita a sapere quale sia stata la determinazione finale dei giudici.

In passato, in più occasioni avevo avuto notizia di bambini collocati in affido, ma per motivazioni gravi: maltrattamenti, grave incuria, tossicodipendenza. Ora mi pare che da qualche anno a questa parte il panorama sia mutato: basta spesso una situazione temporanea di grave difficoltà economica della famiglia o la dichiarazione che i nonni siano troppo vecchi a far scattare questo provvedimento.
Non basterebbe un sussidio economico o, laddove realmente i parenti fossero troppo anziani, una famiglia affidataria part time? (qui, per fortuna, di gente generosa disposta ad accudire per qualche ora al giorno dei bambini in sostegno alla famiglia d´origine ce n´├Ę).

09.03  di mercoled├Č 29/09/2010
scritto da  Sergio
Se abita con i suoi parenti e non ha commesso reati non vedo perch├Ę un "assistente sociale" debba portala in una casa famiglia???
Giudici e assistenti sociali...bella accoppiata!
I giudici sono quelli che devono far applicare la legge ma sopratutto DEVONO usare il buon senso.
Gli assistenti sociali sono quelli che DOVREBBERO aiutare il sociale con i mezzi che il nostro paese mette a disposizione...
Meglio quando non c´erano!

Amici della Sardegna non mollate e non fatevi intimorire.


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584