Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Milano, muore dopo parto trigemellare. "I medici hanno aspettato troppo"

News e Comunicati Stampa


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Milano, muore dopo parto trigemellare.

22/09/2010 - 17.34

Aperta una inchiesta per omicidio colposo dopo la per emorragia di una donna di 37 anni a poche ore dal parto cesareo di tre gemelli procreati con la fecondazione assistita. L’apertura del fascicolo è un atto necessario da parte del procuratore aggiunto di Milano, Nicola Cerrato, dopo la denuncia del marito per poter disporre gli accertamenti utili a capire se ci siano responsabilità mediche in merito all’accaduto.

Il parto è stato indotto perché la donna, che viveva a Parabiago con il marito, giunta alla 34esima settimana di una gestazione difficile era passata a pesare da 50 a 74 chilogrammi. I tre gemelli sono nati ieri alle 12.26 e pesavano rispettivamente 2,2, 2,4 e 2,9 chilogrammi quando in genere, nel caso di parti trigemellari, i neonati raggiungono un peso tra gli 0,8 e 1,8 chili.

Secondo quanto denunciato dal padre dei piccoli, la moglie era rimasta a riposo negli ultimi cinque mesi come prescritto dal ginecologo di fiducia perché la gravidanza si presentava problematica. Ora il marito si chiede come mai si sia atteso così a lungo per indurre il parto, quando il medico gli aveva garantito che si poteva procedere già alla 28esima settimana di gestazione. A fine agosto, quando la moglie era alla 31esima settimana, era stato fissato il parto all’ospedale Sant’Anna di Como che aveva a disposizione tre incubatrici per i piccoli che sarebbero nati prematuri. Poi però, alla notizia che si sarebbero liberate quelle del Buzzi, la donna ha accettato di partorire a Milano.

Il parto, programmato per ieri, è avvenuto alle 12.26. Tuttavia intorno alle 14 la donna ha avuto un’emorragia e il medico che aveva appena effettuato il cesareo è intervenuto insieme ai colleghi con una nuova operazione per interromperla. Alle 18 la paziente ha avuto una crisi cardiaca ed è morta.

«Per farla partorire hanno aspettato fino alla trentaquattresima settimana, quando poteva già partorire alla ventottesima. Si potevano accorgere che la sua pancia era così grande». Così il marito della donna si è rivolto alle forze dell’ordine per denunciare l’episodio.

Gli inquirenti ora dovranno valutare se ci siano responsabilità da parte dei medici e capire se l’emorragia era prevedibile o meno.

Il caso della donna morta a Milano dopo un parto trigemellare, a seguito di una emorragia, è un caso raro ma purtroppo ancora oggi possibile: «si verificano da 2 a 12 casi di morte materna ogni 100 mila parti per cause diverse, tra cui anche l’emorragia» dice Antonio Bonaldi, il direttore sanitario dell’Ospedale Buzzi di Milano, dove è avvenuto il fatto. L’emorragia post-parto «è una complicazione che avviene con una certa frequenza, a prescindere dal tipo di parto - continua l’esperto - e che è difficile da gestire. Solitamente si riesce a farvi fronte, ma qualche volta purtroppo l’evento è drammatico».

Al momento, le prime indagini sembrano escludere una negligenza da parte dei medici. «Noi non abbiamo nulla da nascondere - prosegue Bonaldi - e abbiamo dato tutta la nostra disponibilità a collaborare per fare chiarezza. Noi stessi abbiamo avviato un’indagine interna approfondita. Nella nostra struttura si fanno 3.600 parti l’anno, la maggior parte dei quali sono complicati - conclude l’esperto - proprio perché siamo un ospedale ad alta specializzazione per questo tipo di casi. Purtroppo però la medicina non è infallibile, e non sempre si può evitare un evento drammatico come questo».


Fonte: ilmessaggero.it

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 3331 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

Una nutrita schiera di associazioni e organizzazioni a tutela dei diritti civili della famiglia, a seguito...

07/04/2019 - 11:01
Il DDL 735 e il voltafaccia politico del M5S: 26 organizzazioni chiedono le dimissioni di Spadafora

DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Il percorso del DDL Pillon in Parlamento si rivela meno facile di quanto non potesse sembrare. Anche...

15/09/2018 - 08:52
DDL 735, confronto acceso nella maggioranza. Cosa bolle in pentola? E soprattutto, cosa chiede il M5S?

Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Un breve articolo compare il 15 aprile sul portale Studio Cataldi, sempre molto utile per dottrina ed...

13/04/2017 - 11:08
Non solo Italia. In Spagna una deriva giudiziaria discrimina economicamente i mariti

Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

Ieri sera in prima serata su Rai 2 nella trasmissione "Nemo – nessuno escluso", il Dott....

14/04/2017 - 21:20
Adiantum, Nestola in Tv su Rai2: «6 milioni di uomini vittime di violenza»

19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Francesco D’Auria, Segretario nazionale Adiantum, lancia un appello a tutti i genitori...

19/03/2017 - 12:20
19 Marzo, D´Auria: undici anni dal Condiviso ed ancora ostruzionismi. Cardinale: riflettiamo sul sistema

Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali

Interpellanza al Presidente del Consiglio, da parte del deputato Emanuele Scagliusi (M5S) in materia di...

21/11/2016 - 15:55
Scagliusi al Governo: modificare il trattato Aja sulle sottrazioni internazionali


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Non ci sono ancora commenti


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584